Internazionalizzazione

POST COVID, L’ENOTURISMO RIPARTE DA PASQUA

Nell'anno della ripartenza, le festività pasquali segnano il ritorno del turismo nazionale e internazionale, nonostante la guerra in Ucraina

Visit LMR

Visit LMR

POST COVID, L’ENOTURISMO RIPARTE DA PASQUA

Nell’anno del riscatto post pandemico, le festività pasquali segnano la ripartenza del turismo nazionale e internazionale, nonostante alcune ombre dovute alla guerra in Ucraina. In Italia stanno arrivando i primi segnali di ripresa con gli alberghi che sono tutti aperti e i visitatori che stanno tornando. C’è tanta voglia di viaggiare e tornare alla normalità per Pasqua, per il ponte del 25 Aprile e per l’estate 2022.

Una recente ricerca, commissionata a SWG da Trainline, svela che il viaggio è in cima ai desideri del 55% degli italiani che, in linea con una tendenza decisamente positiva, ora sognano itinerari slow, sostenibili e consapevoli. Tra questi, vacanze fuori porta, magari in bici tra le vigne, come scrive Vanity Fair. Chi ama la natura e i grandi vini prenda la bicicletta e inizi a pedalare andando per vigne, lungo strade non asfaltate, viottoli di campagna, per un mix di ciclo ed enoturismo. Si pedala osservando filari di viti incorniciati da paesaggi unici. «Per capire un vino bisogna andare tra le vigne» diceva Luigi Veronelli ".

«Questo è l'anno della ripartenza» ha detto il ministro del Turismo, Massimo Garavaglia all’inaugurazione della Bit, la Borsa Internazionale del Turismo che è tornata in presenza, quest'anno. L'estate del turismo italiano, secondo il ministro andrà «molto bene. Da maggio avremo le stesse regole degli altri paesi e l'Italia giocherà la sua partita alla grande». «L'impegno più grande, da maggio in poi, è dare un messaggio di serenità. Gli operatori sono pronti a ricevere turisti, a mandare gli italiani all'estero. Abbiamo solo voglia di ripartire», ha concluso.

Secondo una recente indagine di Demoskopika, che l'Ansa aveva pubblicato in anteprima alla Bit, sono poco più di 92 milioni gli arrivi e quasi 343 milioni di presenze tra italiani e stranieri in Italia, con una crescita rispettivamente pari al 43% e al 35% rispetto al 2021. Una tendenza in crescita, dunque, seppur ancora lontana dallo scenario del 2019. Secondo l’indagine, prevale la vacanza "nazionalista": 9 italiani su 10, pronti a fare le valigie, la trascorreranno nel Belpaese. Sul versante opposto, il 10% ha in programma di recarsi all'estero; di questi il 7% ha programmato il viaggio in una destinazione europea, mentre il rimanente 3%, opta per una vacanza internazionale. La guerra, e ancora la pandemia, condizionano il turismo italiano: il 31% di connazionali ha rinunciato alla vacanza per i prossimi mesi, il 10% lo fa per timore degli effetti del conflitto in Ucraina e l'8% per il persistere del Covid e delle sue varianti.

Per l'anno in corso, però, si stima l'assenza dall'Italia di oltre 300 mila turisti ucraini e russi con una riduzione di 2,4 milioni di presenze e una contrazione della spesa turistica per quasi 180 milioni di euro. In un recente articolo pubblicato dal Sole 24 Ore, Global Blue (attiva nel settore del tax free shopping) ha divulgato un approfondimento sulle attività dei turisti russi e ucraini in Italia, per valutare quali mete italiane rischiano di subire gli impatti maggiori. «I russi hanno sempre avuto un’importanza significativa per il tax free shopping italiano. Nel 2019, infatti, rappresentavano la seconda nazionalità per acquisti (12% del totale del mercato). Nel periodo gennaio 2021 - febbraio 2022, a seguito della pandemia e delle restrizioni legate al Covid, il volume di acquisti tax free dei russi in Italia è diminuito rispetto al 2019, ma questa nazionalità ha comunque fatto registrare uno scontrino medio significativo, pari a 1.215 euro (+78% rispetto al 2019). Nel 2021 la meta di shopping preferita dai turisti russi è stata Milano, con il 39% delle vendite totali, seguita da Roma con il 17% degli acquisti tax free, Venezia e Firenze.

A pochi giorni dall’inizio della guerra in Ucraina si registrava un rallentamento delle prenotazioni. Che i venti di guerra generino timori è inevitabile. Il turismo è un’economia di pace, che favorisce l’integrazione e gli scambi culturali tra i popoli. Solo a Pasqua l'assenza dei visitatori provenienti da Mosca e dalle altre città della Federazione governata da Putin si tradurrà in alcune decine di milioni di euro di mancati incassi per le nostre strutture ricettive, scrive Il Messaggero, e la guerra sposta in avanti il ritorno di molti flussi attesi. Dell'Italia i russi amano l'arte, l'ambiente, la moda, lo stile, ma anche il cibo e i vini, veri e propri ambasciatori che nel tempo hanno contribuito a forgiare quell'immagine di Paese che attrae più di tutti anche i turisti e i visitatori dell’Est. Il Sole24 ore, in un articolo, ricorda che gli ospiti russi con alta capacità di spesa, che scelgono soprattutto la Toscana e la Sardegna, sono ogni anno oltre 400 mila. «Il turismo russo in Italia pesa circa l'1% come presenze e circa il 2% come fatturato quindi ha un suo peso» ha detto di recente il ministro del Turismo Massimo Garavaglia in un’intervista a Mattino Cinque News riflettendo sulle conseguenze e le ricadute della guerra. «Stiamo lavorando molto concretamente - ha aggiunto - e gli incontri che abbiamo fatto a Bruxelles vanno proprio in questa direzione: trovare soluzioni concrete per recuperare tutto il resto e consentire ai nostri cittadini di viaggiare e fare turismo serenamente, agli stranieri di venire serenamente in Italia e agli operatori di poter lavorare e fare fatturato».

L’Italia continua a dominare come meta preferita per i turisti d’alto di gamma e ha un primato indiscusso per bellezza e attrattività di paesaggi, cultura ed esperienza enogastronomica, si legge in uno studio di Altagamma. L’Italia è un Paese ricco di bellezza diffusa sul territorio. I turisti post pandemia lo sanno bene e sono ancora più attenti al food and wine. Il patrimonio culturale immateriale culinario è decisivo nella scelta del viaggiatore moderno.

Potrebbe anche interessarti

Digitale

ESTATE 2022 IN PRESENZA, DEGUSTAZIONI ONLINE

24 Giugno 2022

ESTATE 2022 IN PRESENZA, DEGUSTAZIONI ONLINE
L'estate dell'enoturismo sarà positiva, ma tra le esperienze più richieste, oltre a quelle a diretto contatto con la natura, restano le degustazioni online
Leggi l'articolo

Sostenibilità

DALLA BIODIVERSITÀ STELLATA ALLE VIGNE URBANE

5 Marzo 2022

DALLA BIODIVERSITÀ STELLATA ALLE VIGNE URBANE
La scommessa di un turismo non solo sostenibile, ma più responsabile, è un'occasione di ripartenza che molte Regioni e città italiane stanno facendo propria
Leggi l'articolo

Innovazione

GLI ENOTURISTI CERCANO SEMPRE PIÚ CULTURA E BENESSERE

24 Gennaio 2022

GLI ENOTURISTI CERCANO SEMPRE PIÚ CULTURA E BENESSERE
Turisti sempre più preparati ed esigenti: i viaggi del gusto devono includere più esperienze olistiche e storie
Leggi l'articolo

Internazionalizzazione

CONFERENZA GLOBALE 2022, L’ENOTURISMO GENERA SVILUPPO

20 Ottobre 2021

CONFERENZA GLOBALE 2022, L’ENOTURISMO GENERA SVILUPPO
Nel 2022 territorio di Langhe, Monferrato e Roero ospiterà la Conferenza Globale del Turismo del Vino.
Leggi l'articolo

Sostenibilità

PANDEMIA, FOOD E SOSTENIBILITÁ: LE CONDIZIONI DI UN CAMBIAMENTO POSSIBILE

22 Luglio 2021

PANDEMIA, FOOD E SOSTENIBILITÁ: LE CONDIZIONI DI UN CAMBIAMENTO POSSIBILE
Pubblichiamo un contributo di Andrea Casadei che riassume il suo intervento al Food & Wine Tourism Forum, ampliando ulteriormente le riflessioni sul concetto di sostenibilità.
Leggi l'articolo

Digitale

ACCELERAZIONE ONLINE, VERSO IL NEVERENDING TOURISM

9 Luglio 2021

ACCELERAZIONE ONLINE, VERSO IL NEVERENDING TOURISM
Internet e i social network, da smartphone e pc, sono i canali più utilizzati per conoscere l’Italia. Lo rileva “Be-Italy – Indagine sull’attrattiva del Paese” di Ipsos
Leggi l'articolo

Innovazione

RISTORAZIONE POST PANDEMIA: QUESTIONE DI OFFERTA O DOMANDA??

10 Giugno 2021

RISTORAZIONE POST PANDEMIA: QUESTIONE DI OFFERTA O DOMANDA??
Riflessioni realistiche sulle riaperture, percorsi innovativi per un settore profondamente ferito dall'evento pandemico.
Leggi l'articolo

Internazionalizzazione

TURISMO INTERNAZIONALE: PASSAPORTO SANITARIO, VOLI COVID FREE E NUOVE TENDENZE

26 Maggio 2021

TURISMO INTERNAZIONALE: PASSAPORTO SANITARIO, VOLI COVID FREE E NUOVE TENDENZE
Con il green pass l'Italia riapre ai turisti vaccinati, Draghi: "Il mondo vuole viaggiare in Italia e l’Italia è pronta a ridare il benvenuto al mondo"
Leggi l'articolo

Sostenibilità

SFIDE E OPPORTUNITÀ DELL'AGENDA 2030

25 Maggio 2021

SFIDE E OPPORTUNITÀ DELL'AGENDA 2030
Il turismo enogastronomico è in continua evoluzione e nei prossimi anni nuovi segmenti e nuove proposte si affermeranno sempre più sul mercato.
Leggi l'articolo